BREAKING NEWS: 64 US Bank Branches Announce Shocking Closure in a Single Week – JPMorgan, Wells Fargo, and Goldman Sachs Close Hundreds of Branches

La questione del “CIGNO NERO”:

Per la “INTERPRETAZIONE” del significato dei fatti qui sotto elencati, consigliamo la lettura del seguente nostro articolo: https://6viola.it/la-banca-nazionale-svizzera-registra-una-perdita-annua-di-3-miliardi-di-franchi-reuters/

La Banca nazionale svizzera registra una perdita annua di 3 miliardi di franchi (Reuters) – L’avvento del CIGNO NERO

 

BREAKING NEWS: 64 filiali della Banca degli Stati Uniti annunciano la chiusura scioccante in un’unica settimana: JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs chiudono centinaia di filiali

fonte:
https://amg-news.com/breaking-news-64-us-bank-branches-announce-shocking-closure-in-a-single-week-jpmorgan-wells-fargo-and-goldman-sachs-close-hundreds-of-branches/

++
cit on
++

AGGIORNAMENTO: mercoledì 10 gennaio 2024

Nota del redattore: Per capire più chiaramente questa storia, si prega di leggere anche questo articolo pubblicato da  AMG-NEWS il 13 novembre 2023: Il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon ha suonato le campane dell’allarme: le banche più grandi a rischio di collasso Questo inverno come i fallimenti massicci

– Bombshell! The Plot Twist: il CEO di JPMorgan Chase Jamie Dimon’s $ 140 milioni di azioni vendute nel 2024

In una sorprendente ondata di sconvolgimenti finanziari, 64 filiali bancarie statunitensi, tra cui giganti come PNC Bank e JPMorgan Chase, hanno chiesto la chiusura in soli sette giorni. Questa mossa senza precedenti ha inviato onde d’urto attraverso il settore bancario, lasciando i clienti a cercare risposte e chiedendosi se le loro istituzioni finanziarie di fiducia stanno diventando vittime di una tendenza sinistra. Preparatevi per un’esposizione sull’ondata inquietante delle chiusure delle filiali che sta rimodellando il paesaggio del sistema bancario americano.

In un batter d’occhio, la nazione ha assistito a un’impennata sbalorditiva nella chiusura delle filiali bancarie, con importanti attori come PNC Bank che guidano l’accusa. Tra il 12 e il 18 dicembre, un numero allarmante di istituzioni finanziarie ha presentato un deposito di chiusura, dipingendo un quadro cupo della salute del settore bancario. JPMorgan Chase, un altro titano nel regno finanziario, si è unito alla tendenza sconcertante, sollevando le sopracciglia e le preoccupazioni tra la sua vasta base di clienti. Mentre la polvere si deposita in questa settimana inquietante, è imperativo sezionare le ragioni dietro questo esodo improvviso delle filiali bancarie ed esplorare le sue potenziali ripercussioni sui consumatori di tutti i giorni.

La tendenza inquietante

I documenti di chiusura, come riportato dagli Stati Uniti L’ufficio del Controllore della Valuta, rivela un modello sconcertante che trascende la semplice coincidenza. Il colare finanziario, PNC Bank, ha dominato l’elenco delle chiusure, sollevando sospetti sulle motivazioni alla base di un tale ritiro di massa degli istituti bancari fisici. Questa tendenza inquietante ci spinge a mettere in discussione la stabilità delle nostre istituzioni finanziarie e, cosa più importante, a come avrà un impatto sull’americano medio.

Mentre toltiamo gli strati di questa crisi finanziaria, la domanda incombente è se questo sia l’inizio di un effetto domino all’interno del settore bancario. Le chiusure si estendono oltre le linee di stato, creando un effetto a catena a livello nazionale che minaccia di rimodellare l’accessibilità e la convenienza dei servizi bancari tradizionali. La partecipazione di JPMorgan Chase a questo movimento enigmatico serve solo a intensificare le preoccupazioni, lasciando i consumatori a chiedersi se stanno semplicemente assistendo alla punta dell’iceberg.

video-1

Dietro il freddo e burocratico linguaggio dei documenti di chiusura si trovano le storie di innumerevoli individui che si affidavano a questi rami per i loro bisogni finanziari quotidiani. Le arresti improvvise lasciano i dipendenti senza lavoro, le comunità senza un centro finanziario e i clienti senza uno spazio fisico per affrontare le loro preoccupazioni. Non si tratta solo di numeri su un bilancio; si tratta delle persone che si fidano di queste istituzioni con i loro soldi guadagnati duramente.

NESARA GESARA – Il sostegno alla restituzione e alla giustizia: la scioccante verità sulla nostra stole e sul piano per la restituzione

La chiusura di 64 sportelli bancari statunitensi in una singola settimana non è solo un’anomalia statistica; è un presagio di una nuova era nel settore bancario. PNC Bank e JPMorgan Chase potrebbero aver guidato questa ondata, ma le ripercussioni si estendono ben oltre le loro sale riunioni. Mentre ci confrontiamo con le conseguenze di questo cambiamento sismico, è imperativo rimanere vigili, porre domande difficili e chiedere responsabilità da parte delle istituzioni finanziarie che detengono le chiavi del nostro benessere economico. Il futuro delle banche tradizionali è in bilico, e sta a noi, i consumatori, per modellarlo.

JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs Chiudi centinaia di filiali e si snodano migliaia mentre si preparano al crollo finanziario

Con una mossa senza precedenti che significa destino per il settore bancario degli Stati Uniti, JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs hanno avviato una serie di misure drastiche. I titani finanziari stanno chiudendo centinaia di rami e migliaia di dipendenti con il taglio rosa, il tutto in previsione di un tracollo finanziario che potrebbe rimodellare il panorama finanziario della nazione.

Gli Stati Uniti sono sul precipizio di una catastrofe finanziaria, e i segni sono inquieti. I pilastri un tempo incrollabili del settore bancario, JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs, sono ora in modalità di crisi, prendendo misure drastiche per prepararsi all’imminente tracollo finanziario di cui gli esperti hanno a lungo avvertito. Questo articolo non è solo una forte analisi delle statistiche allarmanti, ma anche una cupa riflessione sul pedaggio umano che le azioni di queste istituzioni intraprenderanno.

video-2

I tassi di interesse record, combinati con disordini nel settore immobiliare, hanno gettato un’ombra incombente sulle più grandi istituzioni finanziarie della nazione. JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs hanno riportato perdite sconcertanti negli ultimi mesi, e sono profondamente consapevoli che una crisi molto più grande è in agguato proprio dietro l’angolo. Di conseguenza, questi giganti bancari stanno stringendo le corde della borsa, ridimensionando la loro presenza fisica e tagliando spietatamente la loro forza lavoro. – Perche’? Perché temono ritiri di massa e una valanga di fallimenti mentre si avvicina l’inverno amaro.

Gli esperti sono inequivocabili: queste sono semplicemente le salve di apertura di quella che si sta preparando per essere un’altra crisi finanziaria globale, e si prevede che le condizioni si deteriorino ulteriormente.

Nel mese di ottobre, 54 filiali sono state chiuse in modo permanente, lasciando innumerevoli americani bloccati senza accesso ai servizi finanziari essenziali. Il bollettino dell’Ufficio del Controllore della Valuta (OCC) pubblicato in un fatidico venerdì ha rivelato la dura realtà. Bank of America ha guidato la carica chiudendo 21 filiali nella prima settimana di ottobre, mentre Wells Fargo non era molto indietro con 15 filiali che hanno incontrato la loro scomparsa. Gli Stati Uniti Anche Bank e JPMorgan Chase si sono uniti alla triste processione, chiudendo rispettivamente nove e tre rami.

Ma la tempesta non si è fermata qui. Santander e City Bank hanno recentemente aggiunto alla miseria chiudendo quasi 20 filiali ciascuna. Negli ultimi dodici mesi, le banche statunitensi hanno chiuso in modo insensibilmente oltre 3.100 sedi, secondo i dati di S&P Global. Il periodo dal 2021 al 2022 ha visto un sbalorditivo aumento del 38% delle chiusure delle filiali rispetto all’anno precedente. E non sono solo i rami a svanire; anche i livelli di personale delle banche stanno diminuendo. La CNBC ha svelato che anche le banche più importanti in America non sono immuni da questi tagli spietati.

Il bilancio delle vite umane è sconcertante. Le sei più grandi banche statunitensi hanno collettivamente tagliato 20.000 posizioni nel corso del 2023, un fatto messo a nudo dai propri documenti di società. Il taglio dei posti di lavoro non è una semplice decisione di bilancio; è un istinto di sopravvivenza in quanto il futuro incerto getta un’ombra minacciosa. “Le banche stanno tagliando i costi dove possono perché le cose sono davvero incerte l’anno prossimo”, ha osservato Chris Marinac, direttore della ricerca di Janney Montgomery Scott.

video-3

Wells Fargo e Goldman Sachs sono in prima linea in questa cupa tendenza. Entrambe le istituzioni hanno licenziato circa il 5% della forza lavoro negli ultimi dieci mesi. A Wells Fargo, i tagli di posti di lavoro hanno iniziato a salire dopo che la banca ha annunciato un trasferimento strategico dal business dei mutui. Il CFO, Mike Santomassimo, ha rilasciato una dichiarazione agghiacciante che ha fatto rabbrividire le spine dei dipendenti: “Ci sono pochissime parti dell’azienda che saranno risparmiate dai tagli”.

Questi sviluppi dipingono un quadro desolante della salute del settore bancario degli Stati Uniti. Con le turbolenze economiche incombenti, gli ultimi mesi dell’anno minacciano di esacerbare i guai nel mondo finanziario. È un momento in cui le banche statunitensi dovrebbero essere su un terreno stabile, ma invece si trovano in un pantano di incertezza. La stabilità che finora ha impedito al collasso dei mercati e delle istituzioni è in bilico sull’orlo di un precipizio.

La verità è che le condizioni attuali sono a dir poco insostenibili, e il caos scenderà molto prima di quanto la maggior parte delle persone osate immaginare.

La crisi inevitabile

Nel bel mezzo di questa crisi in corso, è importante rendersi conto che il mondo finanziario sta per essere precipitato nel caos. Le azioni di JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs non sono incidenti isolati, ma piuttosto precursori di un tracollo finanziario che si sta costruendo da anni. Le nubi temporalesche si sono radunate, e ora stanno per scatenare una tempesta di magnitudo senza precedenti.

Mentre questi giganti bancari chiudono le loro porte e licenziano la loro forza lavoro, gli americani comuni sopporteranno il peso della crisi. L’accesso ai servizi finanziari essenziali sta diminuendo e la sicurezza del lavoro sta evaporando. È una triste realtà che dobbiamo affrontare a testa alta.

video-4

In conclusione, il settore bancario è a un precipizio e l’abisso si sta avvicinando rapidamente. I passi compiuti da JPMorgan, Wells Fargo e Goldman Sachs non sono semplici misure precauzionali; sono azioni disperate di istituzioni che sanno di essere sull’orlo. Le statistiche sono allarmanti, il bilancio umano è straziante e la prospettiva è terribile. Il tracollo finanziario non è più una minaccia incombente; sta accadendo ora, proprio davanti ai nostri occhi. Dobbiamo essere preparati per il caos che ci aspetta e sperare in un futuro più luminoso oltre la tempesta.

The White Hats Plan 3: A Symphony of Strategy – Un omaggio a JFK – Dove andremo tutti! (Deve vedere il video)

Nel regno clandestino delle teorie del complotto e degli ordini del giorno nascosti, un messaggio criptico riecheggia attraverso i corridoi del tempo: “IL COO HATSRE È UN PIANO 3”. Mentre ti impanizzi in questo enigma, ti prepara per un viaggio che scopre le ombre del potere, rende omaggio a un leader caduto ed espone una battaglia tra luce e oscurità.

Questa non è la tua narrazione ordinaria; è una testimonianza dello spirito duraturo di coloro che lottano per la verità, la giustizia e la conservazione del nostro modo di vivere.

LEGGI LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI: https://amg-news.com/the-white-hats-plan-3-a-symphony-of-strategy-a-tribute-to-jfk-where-we-go-we-go-we-go-tu-all-must-see-video/

ANCHE: JFK Assassination Military Coup sulla Collisione Course Con Condumento militare di Trump: NULLA COINCIDENZA – https://amg-news.com/jfk-assassination-military-coup-collision-course-course-with-military-coup-of-trump-nothing-is-coincidence/

L’apertura del piano di devoluzione e la continuità del governo: accuse di colpo di stato militare contro Biden, Obama, Clinton, Rockefellers, CIA, Deep State – Operazioni di teoria dei giochi – https://amg-news.com/the-devolution-plan-and-continuity-of-government-military-coup-charges-aconinst-biden-obama-ullenti-roccianti-ro-foglio-ro-fito-di-lo-salitario-coup-charges-aconinst-obama-ul-il-de-la-

 

++
cit off
++

Commento (6 viola):

Per la “INTERPRETAZIONE” del significato dei fatti qui sopra elencati, consigliamo la lettura del seguente nostro articolo: https://6viola.it/la-banca-nazionale-svizzera-registra-una-perdita-annua-di-3-miliardi-di-franchi-reuters/

La Banca nazionale svizzera registra una perdita annua di 3 miliardi di franchi (Reuters) – L’avvento del CIGNO NERO

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.