etimologia del termine SUPERBIA (studio)

(L’arcangelo Michele schiaccia SatanaGuido Reni1636)

Scrive
Arianna Kellermann:

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:41]
Apprezzo molto il tuo atteggiamento, Enrico, sul serio.
Io non so in cosa credere, davvero.
So solo che mi sono capitate cose strane, e devo pur prenderne atto.

Sai che ci sono correnti religiose che identificano Michele con Gesù?
Dicono che sia la stessa entità divina.

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:41]
Hanno in comune uno straordinario amore per il genere umano.

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:43]
Il loro esatto opposto non è tanto Satana, malefico per natura, quanto piuttosto Lucifero: fu lui, secondo gli apocrifi biblici, a ribellarsi sdegnato, quando Dio gli presentò l’essere umano e gli chiese di prostrarsi a lui.

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:43]
E ti dirò, posso anche capirlo…

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:43]
Lucifero, il più bello e intelligente degli arcangeli, costretto ad adorare ‘na schifezza come l’essere umano…

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:44]
Come avrai capito, non ho molta stima del genere al quale appartengo.

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:45]
E fu proprio allora che Michele si parò in mezzo a loro, facendo scudo con il proprio corpo a Dio, e gridò sdegnato a Lucifero (del quale prima era amico):
“Mi-Ka-El!”

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:46]
Che vuol dire “Chi è come Dio?”.

Arianna Kellermann, [02/07/2024 22:46]
Fu la fine di un’amicizia.

fonte:
https://t.me/c/1306439126/79394

§§§

rispondo (Lino di 6viola.it):

Lino:

La tradizione delle teofanie non dice di “prostrarsi all’essere umano”, ma a Cristo, Gesù detto Cristos di YHWH, uno dei 3 nomi principali di Dio, che i Cristiani -prima della preghiera- dicono “nel Nome del Padre, del Figlio (Cristo) e dello Spirito”.

In tal senso la ribellione di Lucifero =/= satana, poiché Lucifero è l’angelo ribelle, mentre satana è la entità che entra a possedere una anima solo se l’anima si ribella a Dio, .. in tal senso la ribellione -dicevo- è detta “SUPERBIA” nell’etimo super Ba, ribellione a Ba, che indicherebbe il Padre, e nello specifico il Padre Eterno, la causa prima del perché come diceva Parmenide ” l’essere è, mentre il non essere non è”.

Si concatena con questi fatti il discorso di satana ad Eva: Dio non vuole che mangiate dall’albero della conoscenza del bene e del male perché “voi sarete come Dei”, e teme il vostro insidiare la sua onnipotenza, grazie all’ascesa nella conoscenza.

Se ci fate caso: in questi anni si parla di potere alterare il DNA, partorire in un utero ARTIFICIALE, intelligenza artificiale, etc, come a spiegare che il progetto di Dio sarebbe difettoso, e ne discenderebbe il desiderio di elevarsi oltre e sopra di Dio.

Arianna Kellermann:

A grandi linee condivido il tuo discorso, ma assolutamente non le tue etimologie.

Lino:

grazie per la sintonia sul “discorso”. In merito a superbia è da leggere lo studio seguente che riconduce il super a Dio (sopra di Dio):

https://www.etimo.it/?term=superbo

Andrebbe inoltre considerato che in tutte le lingue la p (come in padre, papà) e la b (babbo, etc) sono dette “esplosive” e quindi per il bambino utili ad attirare il genitore quando in pericolo.

Da ciò la mia proposta etimologica di considerare super-Ba, il volere superare il padre, come del resto è ripreso come concetto nel mito di edipo:
cito:
il mito afferma che Edipo avrebbe ucciso il padre, sposato la madre, e che sarebbe stato la rovina dell’intera città.
fonte:
https://www.skuola.net/mitologia-epica/mitologia/mito-edipo.html

Arianna Kellermann:

Circa il “super” non ci piove.
E’ il resto che è pura fantasia.

Lino:

la fantasia è la ragione per cui Paolo di Tarso diceva che l’uomo giusto è sopra le leggi e quindi le può modificare.
Naturalmente servono prove per proporre modifiche, e quindi l’uso della LOGICA. Ma la logica è legata alla quantità di informazioni da cui si parte e ciascuna persona ha un diverso paniere di informazioni. Se consulti l’etimo che ti ho segnalato che non si basa solo su quello che dico io, ma sullo studio anche di altre lingue, si dimostra che super-X, chiamiamolo X per ora che indaghiamo, si riferisce secondo uno studio “ufficiale” X=Dio.

Non è forse detto che Dio è anche detto “Dio padre?” o origine, causa prima?

Quindi è vero che è improprio etichettare Super-bia, con super Ba, ma super Ba esisteva nel linguaggio ben prima di Superbia.

bia allude a “ciò che vale per tutti”, poiché in tutti vi può essere contestare il principio di autorità, nel Kapo, sia esso umano, militare, tribunale legale, etc.

bi, indica “bi-nario” numericamente la base minima con cui si può numericamente descrivere qualunque quantità, quindi inizia lo studio della molteplicità.

Non a caso, per efficienza, i computer sono scritti in bi-nario. Ciò impedisce un errore di rappresentazione distanziando i due segnali alto e basso del livello di tensione elettrica nella memorizzazione dei dati.

Quindi spostandosi dal caso 1 a 1 tra Dio e l’antagonista di Dio, come primo caso di scuola, si generalizza in Super-bia lo stato relazionale generico -che vale per tutti- mentre originariamente era solo super-Ba.

Grazie del tema, a me molto caro, e che mi hai dato l’occasione di indagare in pubblico, sempre precisando che io uso la fantasia, e quindi sono stato -per esempio- in grado di introdurre la “LOGICA frattale sensibile al contesto”, che non esisteva ancora prima che io la inventassi.

Da ciò ho potuto paragonare lo scontro tra materia ed antimateria alla formazione del nostro universo, dei molti universi Ui, come pure è nella teoria di Penrose, Everett et altri.

Come ingegnere, naturalmente, amo sottomettere le mie teorie alle verifiche SPERIMENTALI. Ed anche le verifiche sperimentali -con la produzione di antimateria grazie ad un generatore di Van de Graff-
https://it.wikipedia.org/wiki/Generatore_di_Van_de_Graaff
… ho potuto dimostrare che “wikipedia di sbaglia sullo spin della antimateria”, come pure con una simulazione al computer le dimensioni (circa 30 miliardi di anni luce, come distanza del raggio) del nostro universo, sulle misure ufficiali della densità del cosmo.

Arianna Kellermann:

No, guarda, non ci siamo proprio: “-ia” è una semplice desinenza nominale.
La trovi in moltissimi sostantivi astratti: lussuria, accidia, ignavia etc.
Quello che resta da spiegare è la B.
I linguisti la spiegano con la radice indoeuropea *ba- da cui deriva anche il greco bàino (vado), per cui sarebbe qualcosa tipo “andare al di sopra”, ma l’etimo è incerto.

Tutto il resto è parto della fantasia, che con la linguistica (te lo dico da filologa) non ha nulla a che vedere.

Volendo, io posso anche immaginarmi un ircocervo o un cavallo volante: ma questo non li rende reali.

Ai lettori un parere da inviare alla casella di posta:

parmenidea@gmail.com

Grazie

Questa voce è stata pubblicata in religioni. Contrassegna il permalink.