Incontro con i rappresentanti delle associazioni religiose (by Putin 25 ottobre 2023)

fonte (con traduzione):

http://en.kremlin.ru/events/president/news/72593

Nella St St del Cremlino Catherine Hall, Vladimir Putin ha incontrato i rappresentanti della religione russa Le associazioni.

21:00
Il Cremlino, Mosca


Partecipazione all’incontro con i rappresentanti dei religiosi Le associazioni erano il patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Russia; Gran Mufti della Russia e presidente della Chiesa centrale. Direzione spirituale dei musulmani della Russia Talgat Tadzhuddin; Mufti, presidente del consiglio religioso dei musulmani di Russia Ravil Gaynutdin; Capo Il Sangha tradizionale buddista della Russia Pandito Khambo Lama Damba Ayusheev; Rabbino Capo di Russia (Federazione delle Comunità Ebraiche della Russia) Berel Lazar; Rabbino, Presidente della Federazione delle Comunità Ebraiche La Russia Alexander Boroda; Arcivescovo, Capo della Russia E la diocesi di Novo-Nakhichevan della Chiesa apostolica armena Ezras; Il metropolita Kornily di Mosca e di tutta la Russia Chiesa ortodossa russa di vecchio rito; Vescovo capo Unione russa dei cristiani di fede evangelica (Pentecostenze) – Sergej Ryakhovsky.

Presidente della Russia Vladimir Putin: Buon pomeriggio, amici.

Ho ritenuto importante incontrarvi e, prima di tutto, vorrei esprimere la mia gratitudine a tutti voi per il sostegno alle Forze Armate della Federazione Russa, alle Forze Armate della Russia e ai nostri militari, così come alle loro famiglie e a tutti coloro che stanno combattendo per la Russia nell’ambito dell’operazione militare speciale. Questo è il mio primo punto, sul quale tornerò in seguito.

In secondo luogo, vorrei discutere con voi degli sviluppi in Medio Oriente e in altre regioni del mondo, ma soprattutto, ovviamente, in Medio Oriente perché ci riguarda. Inizierò da qui.

Tutti noi osserviamo con preoccupazione e dolore nei nostri cuori i tragici sviluppi in Terra Santa, che ha un significato sacro per i cristiani, i musulmani e gli ebrei, per i seguaci delle principali religioni del mondo.

Una nuova fase del conflitto palestinese-israeliano ha provocato migliaia di vittime.

La Russia sa bene cosa sia il terrorismo internazionale. Sappiamo cosa significa. Sentiremo sempre il dolore delle perdite insostituibili subite dal nostro Paese durante gli anni della guerra al terrorismo internazionale.

Vorrei porgere le mie sincere condoglianze alle famiglie degli israeliani e dei cittadini di altri Paesi i cui cari sono morti o sono stati feriti durante l’attacco del 7 ottobre.

Ma è altrettanto chiaro che persone innocenti non devono essere ritenute responsabili di crimini commessi da altri. La lotta al terrorismo non può essere condotta in base al noto principio della responsabilità collettiva, che comporta la morte di anziani, donne, bambini, intere famiglie. Centinaia di migliaia di persone sono rimaste senza alloggio, cibo, acqua, elettricità e assistenza medica. Si tratta di un vero e proprio disastro umanitario.

La posizione della Russia sul conflitto israelo-palestinese è ben nota ed è stata esplicitamente dichiarata in più occasioni. Non è influenzata dalle circostanze attuali, ma si basa sulle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che prevedono la creazione di due Stati sovrani indipendenti, Israele e Palestina. Questa è la chiave per una soluzione duratura e fondamentale e per la pace in Medio Oriente. Questa è stata la posizione tradizionale dell’Unione Sovietica e poi della Russia dal 1948.

Il nostro obiettivo primario è quello di fermare lo spargimento di sangue e la violenza. Un’ulteriore escalation della crisi comporta il rischio di conseguenze gravi e altamente pericolose e distruttive non solo per la regione mediorientale. Può estendersi ben oltre i confini del Medio Oriente. L’ho sottolineato più volte nei miei interventi, nel corso di numerose conversazioni telefoniche e negli incontri personali con i leader dei Paesi mediorientali e di altri Paesi.

Vediamo i tentativi di alcune forze di provocare un’ulteriore escalation trascinando altri Paesi e nazioni nel conflitto e usandoli per i loro interessi egoistici, per lanciare un’ondata di caos e odio reciproco non solo in Medio Oriente, ma anche molto oltre. A tal fine, stanno cercando di sfruttare i sentimenti etnici e religiosi di milioni di persone, che è la loro politica – se così si può dire – da molto tempo, molto prima della crisi attuale.

I musulmani vengono contrapposti agli ebrei e chiamati a combattere una “guerra contro i miscredenti”. Gli sciiti sono contrapposti ai sunniti e i cristiani ortodossi ai cattolici. In Europa si chiude un occhio sulla blasfemia e sul vandalismo contro i luoghi sacri musulmani. In alcuni Paesi, glorificano apertamente e ufficialmente i criminali nazisti e gli antisemiti le cui mani sono macchiate del sangue delle vittime dell’Olocausto. In Ucraina, stanno lavorando per mettere fuori legge la Chiesa ortodossa canonica e per approfondire lo scisma.

A mio avviso, queste azioni sono chiaramente progettate per seminare instabilità nel mondo, per dividere le culture, i popoli e le religioni mondiali e per provocare uno scontro di civiltà. Tutto si basa sul noto principio del divide et impera. Nel frattempo, si continua a parlare di un oscuro “nuovo ordine mondiale” che, in realtà, è essenzialmente lo stesso: ipocrisia, due pesi e due misure, pretese di eccezionalismo e di dominio globale e conservazione di quello che è essenzialmente un sistema neocoloniale.

L’Occidente si accorge che l’emergere di un ordine mondiale multipolare sta prendendo piede e mette in campo tutti gli stessi mezzi, come l’islamofobia, l’antisemitismo e la russofobia, per ostacolare il progresso di Paesi sovrani indipendenti e dividere la maggioranza globale.

Naturalmente, le forze che perseguono tali politiche o che cercano di attuarle traggono vantaggio dal fatto che l’epidemia di violenza e di odio coinvolga non solo il Medio Oriente, ma anche altre regioni, in modo da far divampare vecchi e nuovi focolai di tensione in Eurasia.

Orchestrando in larga misura il conflitto mediorientale, alimentando e provocando il nazionalismo e l’intolleranza religiosa in tutto il mondo, queste stesse forze stanno senza dubbio perseguendo i loro disegni ostili anche nei confronti del nostro Paese.

Questi obiettivi sono stati dichiarati apertamente dai circoli dirigenti di alcuni Paesi, ovvero infliggerci, come dicono, una “sconfitta strategica”. Anche in questo non c’è nulla di nuovo.

Vogliono che il conflitto in Medio Oriente, così come qualsiasi altro conflitto religioso o etnico nel mondo, sia direttamente o indirettamente legato alla Russia in un modo o nell’altro o, per essere più precisi, che dia un colpo alla Russia e alla società russa. Per questo motivo ricorreranno a menzogne e provocazioni e useranno pretesti esterni e interni per indebolire e dividere la nostra società e provocare lotte etniche e religiose nel nostro Paese.

Voglio sottolineare che oggi l’enorme responsabilità per il futuro della Russia spetta ai leader dell’opinione pubblica, ai leader dei partiti politici e delle organizzazioni civiche, ai capi delle regioni del nostro vasto Paese, ai leader spirituali delle religioni tradizionali e a tutte le istituzioni della società civile.

Ognuno di noi, qualunque cosa dica o faccia, dovrebbe essere guidato dalla cosa più importante – e qual è? – che è l’interesse vitale della nostra nazione multietnica e dovrebbe sempre ricordare che l’accordo interetnico e interreligioso è il fondamento dello Stato russo. Qualsiasi altra posizione è antirussa.

So che i leader spirituali di cristiani, musulmani, buddisti e seguaci dell’ebraismo ritengono che l’armonia e l’unità della nostra società siano un valore indiscutibile.

Vi ringrazio per il vostro approccio di principio e voglio notare la grande attenzione che state dando al lavoro educativo e agli sforzi per promuovere il dialogo interreligioso. Persone di fedi diverse lavorano insieme per realizzare progetti sociali e di beneficenza. Voglio tornare ancora una volta al punto di partenza, quando ho detto che hanno sostenuto i partecipanti all’operazione militare speciale e le loro famiglie. Il contributo delle nostre fedi tradizionali è grande se parliamo degli sforzi per rafforzare i valori della famiglia, dell’educazione patriottica dei giovani e, naturalmente, dello sviluppo armonioso delle relazioni interetniche basate sull’accordo e sulla comprensione reciproca tra persone di etnie e fedi diverse e con tradizioni diverse.

Voglio sottolineare ancora una volta che siamo un unico popolo e abbiamo un’unica Madrepatria. Siamo tutti responsabili della sua prosperità e sicurezza.

Suggerisco di discutere questo argomento.

Commento (di 6 viola):

Purtroppo stiamo assistendo a Gaza a un campo prima recintato e poi di sterminio indistinto a chi lo occupa, coinvolgendo NON come DANNI COLLATERALI involontari, ma strutturali:

DONNE, Bambini, MALATI, medici, personale sanitario dentro ospedali, chiese, moschee, negando acqua, cibo, medicine, assistenza medica.

Nelle telecronache, nei TG italiani, si sente dire che l’ingresso -via terra a Gaza- deve ancora avvenire e sarà una “BONIFICA”, come se gli occupanti di Gaza fossero insetti da sopprimere come parassiti!

Si sta, quindi, ancora una volta, come ai tempi della superiorità della razza, della ideologia di Hitler, teorizzando una razza superiore, e le altre razze da rendere salve “solo se ridotte in schiavitù e sub umane”, altrimenti sono da sopprimere.

La Federazione Russa se vuole avere *CREDIBILITA’* di non stare partecipando al Nuovo Ordine Mondiale, allora, deve cessare la guerra in Ukraina.

Altrimenti, se non mettiamo coerenza tra le parole e le azioni, nessun contributo in cui le parole contraddicono le nostre azioni .. impedirà la estinzione del genere umano.

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.