Israele promette di vendicarsi contro l’Iran per gli attacchi missilistici (by axios.com)

traduco (da inglese ad italiano) dalla fonte:
https://www.axios.com/2024/04/15/israel-iran-attack-missiles-retaliation

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha detto al segretario alla Difesa Lloyd Austin domenica che Israele non ha altra scelta che rispondere all’attacco missilistico e drone senza precedenti lanciato dall’Iran durante il fine settimana, ha detto ad Axios un funzionario degli Stati Uniti e un’altra fonte informata sulla chiamata.

Perché è importante: l’amministrazione Biden e molti altri paesi occidentali alleati con Israele stanno sollecitando il governo di Benjamin Netanyahu a non precipitarsi in una ritorsioni contro l’Iran che potrebbe portare a una guerra regionale.

L’ultimo: Gen. Herzi Halevi, capo dello staff delle Forze di Difesa Israeliane, ha dichiarato lunedì che “Israele sta considerando i prossimi passi” e che “il lancio di così tanti missili e droni sul territorio israeliano sarà risposto con una ritorsioni”.

  • In vista di un incontro lunedì con il vice primo ministro iracheno, il segretario di Stato Antony Blinken ha detto che gli Stati Uniti si sta coordinando una risposta diplomatica all’attacco iraniano destinato a prevenire un’ulteriore escalation.
  • “La forza e la saggezza devono essere le due facce della stessa medaglia”, ha detto Blinken in quello che sembrava essere un messaggio per Israele.

Il presidente Biden ha dichiarato durante un incontro con il primo ministro iracheno: “Siamo impegnati in un cessate il fuoco che porterà a casa gli ostaggi e impedirà al conflitto di diffondersi al di là di ciò che ha già. Gli Stati Uniti sono impegnati per la sicurezza di Israele”.

  • “[Biden] non è certamente alla ricerca di una guerra con l’Iran e sono fiducioso che il primo ministro Netanyahu sia consapevole delle preoccupazioni del presidente”, ha detto il portavoce della Casa Bianca John Kirby ai giornalisti.

§§§

L’altra parte: il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha detto al Regno Unito. Il ministro degli Esteri David Cameron in una telefonata lunedì che l’Iran non vuole un’escalation – ma che se Israele “sembra l’avventura, la nostra prossima risposta sarà immediata, più forte e più estesa”, ha detto il ministero degli Esteri iraniano in una dichiarazione.

Stato di gioco: il gabinetto di guerra israeliano si è riunito lunedì per discutere della sua potenziale risposta.

  • L’Iran ha lanciato quasi 350 droni d’attacco e missili contro Israele il 13 aprile in ritorsioni per un attacco aereo israeliano del 1 aprile sul suo complesso di ambasciata in Siria che ha ucciso un alto generale iraniano e altri.
  • La maggior parte dei droni e dei missili sono stati intercettati al di fuori dello spazio aereo israeliano da forze israeliane, statunitensi, britanniche, francesi, giordane e saudite, hanno detto i funzionari.

Dietro le quinte: Gallant ha detto ad Austin in una telefonata di domenica che Israele non può consentire il lancio di missili balistici contro il suo territorio senza una risposta, ha detto il funzionario degli Stati Uniti e la fonte informati sulla chiamata.

  • Israele non accetterà un’equazione in cui l’Iran risponde con un attacco diretto ogni volta che Israele colpisce obiettivi in Siria, ha aggiunto Gallant.
  • Le fonti hanno detto che Austin ha trasmesso un messaggio simile a quello che il presidente Biden ha dato a Netanyahu sabato sera, sottolineando la necessità di fare tutto il possibile per evitare un’ulteriore escalation.
  • “Hai una vittoria. Prendi la vittoria”, ha detto Biden a Netanyahu, avvertendo che gli Stati Uniti non sosterranno alcun contrattacco israeliano contro l’Iran.

Quello che stanno dicendo: il Ministero della Difesa israeliano e il Pentagono hanno rifiutato di commentare.

  • La lettura pubblica israeliana dell’appello ha detto che Gallant ha espresso “profondo apprezzamento” ad Austin per la cooperazione e il coordinamento tra l’IDF, l’esercito americano e altri partner internazionali per contrastare l’attacco iraniano.
  • “Il ministro Gallant ha sottolineato che l’establishment della difesa di Israele rimane allerta e pronto ad affrontare ulteriori minacce”, ha detto la lettura israeliana.
  • Nel letto degli Stati Uniti. La chiamata del Pentagono ha detto che Austin “ha fatto in modo che mentre gli Stati Uniti non cercano un’escalation, continueremo a intraprendere tutte le azioni necessarie per difendere Israele e il personale degli Stati Uniti”.

Il Pentagono e il Ministero della Difesa israeliano hanno detto che Austin e Gallant hanno anche discusso degli sforzi per stabilire una coalizione internazionale e regionale contro l’Iran.

  • Austin ha informato Gallant sulle sue consultazioni con i partner e gli alleati “per rafforzare la determinazione internazionale di fronte all’aggressione iraniana”, ha detto il Pentagono.
  • Gallant ha detto ad Austin che c’è l’opportunità di stabilire “un’alleanza strategica per contrastare la minaccia rappresentata dall’Iran”.
Questa voce è stata pubblicata in complotti > guerra. Contrassegna il permalink.