Mestre: svelato il mistero degli autisti di autobus che hanno malori

foto 2: il ripetitore di 5G

commento su telegram:

Questa è via Carducci a Mestre, in foto il pilastro dove ha finito la sua corsa il bus dopo l’ennesimo malore accertato dell’autista, sullo sfondo potete vedere un antenna 5g.

fonte:

https://t.me/oltrelamatrix/1224

commento su telegram:

Mestre è la nuova AntennaLand

Esiste un collegamento tra gli incidenti di Mestre – che hanno coinvolto due Bus ad alimentazione elettrica – gli autisti “vaccinati” e le numerose antenne 5G presenti sul territorio? A questa domanda, vista l’ampia gamma di studi che mostrano una letale interazione tra i campi elettromagnetici ed il grafene, inoculato nelle vene dei sierati, segue una risposta affermativa.

E’ dimostrato che un mezzo elettrico sottopone i suoi occupanti ad un potente irraggiamento elettromagnetico. E’ dimostrato che il grafene è impiegato come vettore per nanotecnologie iniettabili che, guarda caso, rispondono e si attivano in presenza di segnali o interferenze elettromagnetiche, come quelle dei cellulari e dei ponti UMTS.

Il grafene determina la morte cellulare e provoca coaguli e/o emorragie. E’ quindi altamente probabile che l’elevato numero di malori fatali, occorsi in questi ultimi due anni, abbia attinenza con le iniezioni nonché con l’elettrosmog ed è chiaro che i soggetti che hanno ricevuto una o più dosi sono ormai delle mine vaganti, pronti a morire da un momento all’altro.

I tre fattori sin qui esposti sono una miscela esiziale. Intendiamoci… non pensiamo che tutto ciò rappresenti un incidente di percorso, visto che è parte di un piano scellerato il cui epilogo è dietro l’angolo.

Non è assolutamente fortuito che, nel caso della tragedia di Mestre, le autorità, con scientifica premeditazione, abbiano avuto cura di rimuovere tutte le prove del misfatto, nel tentativo di occultare una dura realtà: il conducente del Pullman ha avuto un malore, poiché obbligato ad iniettarsi una pozione velenosa – coperta non a caso da segreto militare – per mantenere il lavoro. Non dimentichiamolo e non dimentichiamo i nomi dei responsabili.

Mestre è la nuova AntennaLand, i ripetitori sono sempre più numerosi (e potenti). Allarme di Adico.

fonte su telegram:

https://t.me/toba60/181474

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.