ROCKEFELLER E BLOOMBERG DIETRO LA CAMPAGNA PER BLOCCARE IL GNL. PERCHE’?

(serbatoi di GNL: gas naturale liquido)

Le cosiddette “associazioni di beneficenza” (in realtà nulla di tutto ciò) controllate dai miliardari della famiglia Rockefeller e le associazioni di beneficenza controllate dal miliardario Mike Bloomberg hanno fornito negli ultimi anni milioni di dollari ai gruppi ambientalisti che si battono contro i progetti relativi ai combustibili fossili, tra cui i terminali GNL proposti sulla costa del Golfo, secondo quanto riferito da alcuni addetti ai lavori. Così si legge in un articolo pubblicato di recente dal Wall Street Journal.

Cos’è il GNL?

Il GNL, acronimo di gas naturale liquefatto, viene prodotto con un processo di raffreddamento e condensazione del gas. Il componente principale è il metano la cui percentuale può variare tra il 90 e il 99%, la restante parte è costituita da butano, etano e propano. Il GNL a temperature superiori a -112°C è più leggero dell’aria e si disperde rapidamente, non contaminando il terreno. Il GNL viene liquefatto nei paesi produttori e poi trasportato a destinazione attraverso il mare con apposite navi cisterna.

Perché i Rockefeller hanno fatto pressione su Biden affinché sospendesse le esportazioni di GNL?

di Tyler Durden

Quello che era iniziato come un apparente tentativo da parte dell’amministrazione Biden di punire il Texas sulla disputa sul confine si rivela essere parte di una campagna di successo da parte di ricchi donatori – inclusa la famiglia Rockefeller – per fare pressione sul governo affinché abbandoni il gas naturale liquefatto (GNL)

Come riporta il Wall Street Journal, “i Rockefeller, insieme ad altri ricchi donatori, tra cui la filantropia di Michael Bloomberg, hanno fornito milioni di dollari negli ultimi anni a gruppi ambientalisti in prima linea che si battono contro i progetti per i combustibili fossili, tra cui i terminali GNL proposti sulla costa del Golfo”, secondo quanto riferito da persone anonime che hanno familiarità con l’iniziativa, che secondo loro è in corso da quattro anni.

Alcuni finanziatori verdi non avevano prestato molta attenzione alle esportazioni di GNL fino a poco tempo fa, in parte a causa dell’ambivalenza sul ruolo che il gas naturale dovrebbe svolgere nella transizione energetica. Inoltre, alcune campagne precedenti volte a bloccare i terminali GNL non avevano avuto successo, smorzando la voglia di alcuni donatori e di grandi organizzazioni ambientaliste di affrontare l’industria.

La campagna sostenuta dai miliardari, iniziata circa quattro anni fa, ha cercato di identificare e finanziare i leader delle comunità che già si battevano contro i progetti per i combustibili fossili. Gli attivisti hanno avvicinato la Casa Bianca e i funzionari federali a Washington, Houston e Dubai, nell’ambito di una campagna di base ad alta intensità. -WSJ

Il mese scorso, l’amministrazione Biden ha di fatto congelato il processo di approvazione di nuovi terminali GNL dopo che gli Stati Uniti sono stati incoronati come il più grande esportatore mondiale di questo prodotto. Secondo il rapporto, i funzionari dell’amministrazione sono stati influenzati dai gruppi ambientalisti e dalle nuove ricerche sulle emissioni degli impianti di GNL.

La mossa ha scosso l’industria del petrolio e del gas, spingendo i repubblicani della Camera a tenere un’audizione su Tueseday e il senatore Joe Manchin (D-WV) ad annunciare un’indagine sulla decisione.

Entra: la famiglia Rockefeller

Nel 2018, un fondo creato dagli eredi di John D. Rockefeller (il Rockefeller Family Fund) ha lanciato un fondo verde chiamato Funder Collaborative on Oil and Gas. Il suo scopo era quello di richiamare l’attenzione sullo status degli Stati Uniti come massiccio esportatore di petrolio e gas e di incoraggiare il movimento verde ad agire. Alcuni eredi dei Rockefeller conducono da anni una campagna contro la Exxon Mobil, discendente della Standard Oil, la compagnia di combustibili fossili fondata dal loro antenato.

Nel 2019, la Funder Collaborative ha inviato una nota alle ONG per valutare il loro livello di interesse per una campagna volta ad affrontare l’industria del GNL. Hanno inviato esploratori sulla costa del Golfo, sede di numerosi impianti di GNL, e hanno incontrato leader e organizzatori in prima linea contrari ai nuovi progetti.

Forse vogliono prezzi più alti?

Come ha spiegato la sottocommissione per l’energia e il commercio della Camera in una nota del 4 febbraio , vietare le esportazioni americane di GNL non abbasserà i prezzi nazionali dell’energia; anzi, “vietare le esportazioni di GNL significherà effettivamente prezzi più alti in patria per gli americani”.

I prezzi nazionali del gas naturale sono più bassi e più stabili grazie al libero scambio e ai mercati aperti. La decisione di vietare le esportazioni crea incertezza e scoraggia gli investimenti che altrimenti creerebbero posti di lavoro ed espanderebbero l’offerta di gas naturale. Vietare le esportazioni di GNL significherà in realtà prezzi più alti in patria per gli americani. Abbiamo bisogno di una maggiore produzione americana di energia per abbassare i prezzi , non del divieto di esportazione del presidente Biden.

Inoltre, impedire le esportazioni di GNL verso vari paesi stranieri li spingerà a ricorrere maggiormente al carbone, con conseguenti maggiori emissioni di carbonio, non minori.

La nota rileva inoltre che vietare le esportazioni di GNL non è positivo per l’ambiente.

Il gas naturale pulito è una delle ragioni principali per cui gli Stati Uniti hanno ridotto le emissioni più di qualsiasi altra nazione . Il DOE ha già studiato gli impatti climatici delle esportazioni di GNL statunitense e i suoi rapporti mostrano chiaramente i benefici ambientali. Secondo il DOE, le esportazioni di GNL statunitense sono anche più pulite del 41% rispetto al gas naturale russo consegnato in Europa.

La sezione commenti del Journal è tutta dedicata a questo argomento:

L’arresto del GNL da parte degli Stati Uniti non ferma il GNL globale. Si sposta in Canada, Messico, Qatar, Russia, Mozambico, ecc… molti luoghi che avranno controlli climatici/ambientali peggiori di quelli degli Stati Uniti. Quindi, in totale, se questi attivisti ottenessero il loro scopo, peggiorerebbero l’impatto ambientale globale, uccidendo al contempo i posti di lavoro americani. Ottimo lavoro, andate a festeggiare. -Richard V

Distruggere la società è ormai un lavoro a tempo pieno per chi ha bocche grandi, cervelli piccoli e interessi egoistici. Forse qualche notte fredda e buia senza i mali del gas NATURALE illuminerà gli “auto-illuminati”. -Gilbert Brown

Un bell’esempio di come le ricche élite utilizzino i politici da loro acquistati per truffare i contribuenti statunitensi. Una propaganda costante per vendere “soluzioni verdi” per “risolvere” un problema che non esiste. Ma c’è un’altra soluzione: le nostre élite si prendono gioco del patriottismo, il sentimento di amore, devozione e senso di appartenenza a un Paese o a uno Stato. Spingono molteplici inni nazionali che ci dividono ulteriormente. Nel frattempo, la Cina comunista ha 121 gigawatt di impianti a carbone in costruzione, più di quanti ne vengano costruiti nel resto del mondo. L’anno scorso, nel 2023, la Cina ha autorizzato l’installazione di due nuovi impianti a carbone alla settimana. L’Arte della Guerra spiega cosa sta accadendo. E John Kerry e gli altri politici comprati vogliono che obbediamo e compriamo tutte le soluzioni elettriche dei ricchi. Siamo pronti se la produzione bellica dovesse avvenire negli Stati Uniti? -Michael Sweeney

Quindi, prezzi più alti e maggiore dipendenza dal carbone in tutto il mondo. Missione compiuta?

FONTE https://www.zerohedge.com/energy/why-are-rockefellers-pressuring-biden-pause-lng-exports

fonte-2:
https://www.nogeoingegneria.com/news/rockefeller-e-bloomberg-dietro-la-campagna-per-bloccare-il-gnl-perche/

fonte-3: telegram
https://t.me/c/1429977156/309223

6 viola:

Al progetto Great Reset (grande reset) serve demonizzare i combustibili come il GNL (acronimo di gas naturale liquefatto) per alzare il costo della energia e favorire la povertà conseguente all’aumento dei prezzi per la riduzione nell’uso di GNL.

1) la CO2 (anidride carbonica) è un ciclo naturale di cui si nutrono le piante e le piante in cambio danno Ossigeno, utile alla respirazione.

2) Andrebbe convertita l’industria nella maggiore produzione di H2, cioé idrogeno, poiché idrogeno ed ossigeno producono vapore di H2O, cioé vapore di acqua che è perfettamente respirabile al 100% dagli umani e da ogni organismo vivente.

3) Ma lo scopo di avere chiuso le forniture dalla Russia ed ora dagli USA al commercio di fonti energetiche tende a danneggiare il genere umano con il fine ultimo del progetto Malthus, ovvero della diminuzione della popolazione mondiale.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.